ABOUT

Born in 1986, Graduated in Graphic Design at the Academy of Fine Arts in Catania, he was Assistant to the Chair of Engraving until 2015, undertaking a university career focused on experimenting with new methods of printing, culminating in Historic Contemporary Alchemy, which was the first Workshop about Non-toxic Engraving held at the Catania Academy. Still a student is reported for three editions at the National Arts Award (Catania 2007, Naples 2010, Milan 2011) organized by MIBACT, in 2010 he exhibited at the Reggia di Venaria in Turin, in 2013 he exhibited at the National Institute for the Graphic in Rome.

In 2015 he abandoned his university career to devote himself exclusively to artistic research focused on the relationship between the real and the digital, with his first personal 8bit in the galleries Portanova 12 in Bologna and El Magazein in Dignano (Croatia). His painting reproduces the mechanisms of decomposition and dissolution of the real image into pixels typical of digital virtual. In his investigation, the pixels are the atoms of a new telematic and inconsistent material, the pigments of a divisionist painting, are the cells that receive the sound-color frequencies analyzed by him and converted through a co-creation process with an algorithm of artificial intelligence. His painting develops in study and in space. The object to be informed is at the center of a device of connective intelligence that creates a dialogue between the real dimension and the digital one. Also in 2015 he made a public pictorial intervention in Dignano, in Croatia and another one for Codici Sorgenti, an exhibition curated by the 999 Contemporary at Palazzo Platamone in Catania. In 2016 he realizes three altarpieces for the Church of the Crucifix in Caltagirone (CT), realizes two public works in the districts of Ballarò and Borgo Vecchio in Palermo and intervenes on the external walls of the Convention Center of the Reginal Hotel in Rome, his first work large scale and takes part to Emergence Festival, International Street Art Festival in Giardini Naxos. In the same year he inaugurates his personal 16bit, at Palazzo Corvaja in Taormina. In 2017 he realizes a permanent work inside the Cortile Platamone, Palace of Culture of Catania, realizes a public intervention in the neighborhood of Librino in Catania and participates in AMT Art Project, an urban redevelopment project involving international exponents of Street Art. In the same year he inaugurated his personal Catania Infinite Jest at the Palazzo della Cultura in Catania. In 2018 he created a work on the entire mural surface of the elementary school of Valverde (Ct), in combo with Gaia, an internationally renowned American artist. In the same year he intervenes on the entire imposing foyer of the Palacongressi of Agrigento, commissioned by the Valle dei Templi Park, and creates a permanent work for Farm Cultural Park in Favara. He is currently engaged in a trip to his Sicily, in the project Uncommissioned Landscape Manipulation, realizing a conscious transformation of the territory through painting, intervening on the ruins scattered on the island, in fact interrupting a visual tradition "typical" of the landscape itself, in which each element is anonymous and phagocytized by a general vision.

 

Classe 1986, Laureato in Grafica all’Accademia di Belle Arti Catania, è stato Assistente alla cattedra di Incisione fino al 2015, intraprendendo una carriera universitaria concentrata alla sperimentazione di nuovi metodi di stampa, culminati in Storiche Alchimie Contemporanee, che è stato il primo Workshop di Incisione Atossica tenuto presso l’Accademia di Catania. Ancora studente è segnalato per tre edizioni al Premio Nazionale delle Arti (Catania 2007, Napoli 2010, Milano 2011) indetto dal MIBACT, nel 2010 espone alla Reggia di Venaria a Torino, presso le Scuderie di Juvarra, nel 2013 espone all’Istituto Nazionale per la Grafica a Roma.

Nel 2015 abbandona la carriera universitaria per dedicarsi esclusivamente alla ricerca artistica incentrata sul rapporto tra il reale e il digitale, con la sua prima personale 8bit nelle gallerie Portanova 12 a Bologna ed El Magazein a Dignano (Croazia). La sua pittura riproduce i meccanismi di scomposizione e dissoluzione dell’immagine reale in pixel tipici del virtuale digitale. Nella sua indagine i pixel sono gli atomi di una nuova materia telematica e inconsistente, sono i pigmenti di una pittura divisionista, sono le celle che accolgono le frequenze suono-colore da lui analizzate e convertite attraverso un processo di co-creazione con un algoritmo di intelligenza artificiale. La sua pittura si sviluppa in studio e nello spazio. L’oggetto da informare è al centro di un dispositivo di intelligenza connettiva che crea un dialogo tra la dimensione reale con quella digitale. Sempre nel 2015 realizza un’intervento pittorico pubblico a Dignano, in Croazia ed un altro per Codici Sorgenti, mostra curata dalla 999 Contemporary presso Il Palazzo Platamone a Catania. Nel 2016 realizza tre pale d’altare per la Chiesa del Crocifisso a Caltagirone (CT), realizza due opere pubbliche nei quartieri di Ballarò e Borgo Vecchio a Palermo e interviene sulle pareti esterne del Convention Center del Reginal Hotel di Roma, suo primo lavoro di grande scala e prende parte all’Emergence Festival, Festival Internazionale di Street Art a Giardini Naxos. Nello stesso anno inaugura la sua personale 16bit, presso Palazzo Corvaja a Taormina.  Nel 2017 realizza un’opera permanente all’interno del Cortile Platamone, Palazzo della Cultura di Catania, realizza un intervento pubblico nel quartiere di Librino a Catania e partecipa ad AMT Art Project, un progetto di riqualificazione urbana che coinvolge esponenti internazionali della Street Art. Nello stesso anno inaugura la sua personale Catania Infinite Jest presso il Palazzo della Cultura di Catania. Nel 2018 realizza un’opera sull’intera superficie murale della scuola elementare di Valverde (Ct), in combo con Gaia, artista americano di fama internazionale. Nello stesso anno interviene sull’intero imponente foyer del Palacongressi di Agrigento opera commissionata dal Parco Valle dei Templi e realizza un opera permanente per Farm Cultural Park a Favara.

Attualmente è impegnato in un viaggio nella sua Sicilia, nel progetto Uncommissioned Landscape Manipulation, realizzando una consapevole trasformazione del territorio attraverso la pittura, intervenendo sui ruderi sparsi nell’isola, interrompendo di fatto una tradizione visiva “tipica” del paesaggio stesso, in cui ogni elemento risulta anonimo e fagocitato da una visione generale.

 

Re-birth is the curatorial project by Farm Cultural Park for the reopening of the Palacongressi of Agrigento, organized by the Valle dei Templi Park, on the occasion of the 73rd edition of the "Mandorlo in fiore" Festival to be held from 3 to 11 March 2018. A real rebirth of the Palacongressi after many years of closure, with a contemporary cultural and artistic proposal that intends to mark a new vision for this infrastructure of the territory; become a very important new Urban Lung not only for Agrigento but also for the whole of Sicily. Artists, architects, designers and creatives from different disciplines, over the next few months, will propose installations, works of art, photographic exhibitions, talks, workshops and workshops for children with the presence of Sou, the School of Architecture for children. Two interventions by Farm, already ready for the opening. Re-birth, the monumental pictorial installation by the artist Salvo Ligama which gives its name to the whole curatorial project Farm and I'MOSÈ | The first community exhibition of the Villaggio Mosè, curated by Fabio Florio, Daniela Frenna and Carmelo Nicotra.

 

 

Re-birth è il progetto curatoriale firmato Farm Cultural Park per la riapertura del Palacongressi di Agrigento, a cura del Parco Valle dei Templi, in occasione della 73esima edizione della Festa del Mandorlo in Fiore che si terrà dal 3 all’11 Marzo 2018. Una vera e propria rinascita del Palacongressi dopo tanti anni di chiusura, con una proposta culturale e artistica contemporanea che intende segnare una nuova visione per questa infrastruttura del territorio; diventare un nuovo importantissimo Polmone Urbano non solo per Agrigento ma anche per l’intera Sicilia. Artisti, architetti, designer e creativi di diverse discipline, nel corso dei prossimi mesi, proporranno installazioni, opere d’arte, mostre fotografiche, talk, laboratori e workshop anche per bambini con la presenza di Sou, la Scuola di Architettura per bambini. Due gli interventi curati da Farm, già pronti per l’opening. Re-birth , l’installazione pittorica monumentale dell’artista Salvo Ligama che da il nome all’intero progetto curatoriale Farm e I’MOSÈ | La prima mostra di comunità del Villaggio Mosè, a cura di Fabio Florio, Daniela Frenna e Carmelo Nicotra.

 

 

Rebirth is a pictorial cycle conceived and realized for the central hall of the Palacongressi of Agrigento, Villaggio Mosè. Three pictorial planes that develop in height enveloping the spectator with power, accompanying the gaze towards the glass dome that overhangs and illuminates the entire space. it is explicit, because it is what the Palacongressi is trying to do; reborn, just after almost a decade of inactivity, this incredible structure proposes to reopen to the public with the ambition to become a cultural pole and abandon those vestments of the desert cathedral that for too many years has brought with it. The work is the translation visual signal frequency of a Cardiotocographic Trace of a child born only a few months ago. In fact, the artist analyzes the sound and translates it into colors through an artificial intelligence algorithm able to formulate a new color theory elaborating the spectrum of any recording. The colors of Rebitrh, therefore, correspond to the heart frequencies of a child, punctuated by the silences of the columns.

 

 

 

Rebirth è un ciclo pittorico pensato e realizzato per la hall centrale del Palacongressi di Agrigento, Villaggio Mosè.Tre piani pittorici che si sviluppano in altezza avvolgendo poderosamente lo spettatore accompagnando lo sguardo verso la cupola vetrata che sovrasta e illumina l’intero spazio.Il titolo è esplicito, perchè è quello che il Palacongressi sta cercando di fare; rinascere, appunto.Dopo quasi un decennio di inutilizzo, questa incredibile struttura propone di riaprirsi al pubblico con l’ambizione di farsi polo culturale e abbandonare quelle vesti di cattedrale nel deserto che per troppi anni si è portata dietro.L’opera è la traduzione visiva dei segnali frequenza di un Tracciato Cardiotocografico di un bambino nato solo pochi mesi fa. L’artista infatti analizza il suono e lo traduce in cromie attraverso un algoritmo di intelligenza artificiale in grado di formulare una nuova teoria del colore elaborando lo spettro di una qualsiasi registrazione.I colori di Rebitrh, dunque, corrispondono alle frequenze cardiache di un bimbo, scanditi dai silenzi delle colonne.

 

RE-BIRTH

Curated by/ A cura di Farm Cultural Park

Palacongressi – Villaggio Mosè

 Opening 2.3.18


Catania Infinte Jest is the catalog of contemporary translations that Salvo Ligama, 31 years old from Caltagirone, graduated from the Academy of Fine Arts in Catania, staged at the museum spaces of the Palazzo della Cultura in Catania. A complex work, which places the Etnea city at the center of a device of connective intelligence able to connect and make the space between heaven and earth dialogue - where Plato inscribes human affairs - to the digital dimension, effectively opening a new theoretical space to the interior of which to organize information by shifting the focus from the movements to the proceedings. The result of the virtuous tradition-innovation relationship is evident in the work of Ligama when he juxtaposes pixels on twentieth-century views in oil, when he realizes digital panoramas of figurative observations, when he paints the sound of the star KIC11026764 or the voice of Etna or that 

 

 

Catania Infinte Jest è il catalogo di traduzioni contemporanee che Salvo Ligama, 31 anni da Caltagirone, diplomato presso l’accademia di Belle Arti di Catania, mette in scena presso gli spazi museali del Palazzo della Cultura di Catania. Un lavoro complesso, che mette la città Etnea al centro di un dispositivo di intelligenza connettiva in grado di collegare e far dialogare lo spazio tra cielo e terra - dove Platone inscrive le vicende umane - alla dimensione digitale aprendo di fatto un nuovo spazio teorico all’interno del quale organizzare le informazioni spostando l’attenzione dai movimenti ai procedimenti. Le risultanti del rapporto virtuoso tradizione-innovazione è palese nel lavoro di Ligama quando giustappone pixel su vedute novecentesche ad olio, quando realizza panorami digitali di osservazioni figurative, quando dipinge il suono emesso della stella KIC11026764 o la voce dell’Etna o quella della 

of the mother, collecting scientific data with which to elaborate a co-creation color theory with an artificial intelligence algorithm, when installing a continuous cycle of private temporary images through the recovery of obsolete machines, when it represents the urban landscape using traditional painting to substitute to the immateriality of photography in the times of the Internet and the digital desert that is carrying around, crystallizing in painting images of the city that we are used to seeing in pictures, that no one prints anymore. Ligama puts his artistic talent in dialogue with a multidisciplinary intelligence to cross the paradigms of visual languages unscathed, creating a composite imagery capable of opposing the immense power of globalization, illuminating new and (renewable) light the specific characteristics of places.

 

 

 

madre, raccogliendo i dati scientifici con in quali elaborare una teoria del colore in co-creazione con un algoritmo di intelligenza artificiale, quando installa un ciclo continuato di immagini temporanee private attraverso il recupero di macchine obsolete, quando rappresenta il panorama urbano utilizzando la pittura tradizionale per supplire all’immaterialità della fotografia ai tempi di internet e al deserto digitale che si sta portando dietro, cristallizzando in pittura immagini della città che siamo abituati a vedere in foto, che nessuno stampa più. Ligama mette il suo talento artistico in dialogo con un'intelligenza multidisciplinare per attraversare indenne i paradigmi dei linguaggi visivi creando un’immaginario composito in grado di opporsi all'immensa forza della globalizzazione illuminando di luce nuova (e rinnovabile) le infinte specificità dei luoghi.


One of the most noticeable traits of contemporaneity is the unstoppable expansion of computerized virtuality that comes from the power of the network to animate things and images in an illusion of increasingly sophisticated reality. Connections and devices produced by logical and mathematical processes have become widely insinuated in our perceptive and communicative habits, radically changing the way we approach the world. The voluptuous digital realm, which on the one hand promises the instant acquisition of any kind of data and seems to have realized the prodigy of "presence in absence", has as a presupposition a constitutive distance taking that replaces direct access to things with a mediated negotiation. How can the long times of painting be reconciled with the subjectivity of the points of view that implies with the indiscriminate and impersonal coexistence of virtual images that crowd our everyday life? What should the referent of his representation be today and what linguistic code must he adopt to detect the inextricable intertwining of illusory and pragmatism that characterizes the new ways of thinking about reality in the digital age? From these very current questions, the investigation of Salvo Ligama, a very young Sicilian artist who, after having participated in numerous collective exhibitions obtaining important critical accolades, presents his first solo exhibition at the Portanova gallery 12. In his work, centered on silent theaters of objects that the artist has in his studio and then photograph and paint them starting from a digital sketch, the return of the visible passes through a chromatic decomposition of the image into enlarged pixels that

 

 

 

 

 

Uno dei tratti distintivi più evidenti della contemporaneità è l’inarrestabile espandersi della virtualità  computerizzata che nasce dal potere della rete di animare cose e immagini in un’illusione di realtà sempre più sofisticata.  Connessioni e congegni prodotti da processi logici e matematici si sono capillarmente insinuati nelle nostre abitudini percettive e comunicative cambiando radicalmente le modalità di approccio al mondo. Il voluttuoso regno digitale, che da un lato promette l’istantanea acquisizione di qualsiasi tipo di dato e sembra aver realizzato il prodigio della “presenza nell’assenza”, ha come presupposto una costitutiva presa di distanza che sostituisce l’accesso diretto alle cose con una negoziazione mediata.

Come si conciliano i tempi lunghi della pittura e la soggettività dei punti di vista che implica con l’indiscriminata e impersonale compresenza delle immagini virtuali che affollano la nostra quotidianità? Quale deve essere oggi il referente della sua rappresentazione e quale codice linguistico deve adottare per rilevare l’inestricabile intreccio di illusorietà e pragmatismo che caratterizza i nuovi modi di pensare la realtà nell’era digitale?

Da questi interrogativi quanto mai attuali prende avvio l’indagine di Salvo Ligama, giovanissimo artista siciliano che dopo aver partecipato a numerose esposizioni collettive ottenendo importanti riconoscimenti di critica, presenta alla galleria Portanova 12 la sua prima personale.

Nel suo lavoro, incentrato su silenziosi teatri d’oggetti che l’artista dispone nel suo studio per poi fotografarli e dipingerli a partire da un bozzetto digitale, la restituzione del visibile passa attraverso una scomposizione

denies the root the illusory adherence to the true of the virtual image, mocking the spasmodic search for a maximum resolution. The decomposition and dissolution are therefore instruments of approach to the subject that allow him to draw the essential properties and then rebuild it in a new structure that interprets the depth as a facet. Like the dreamed objects of Surrealism, these passages of contemporary still life, which at a distance or with the mediation of a digital objective find with the retinal recomposition the third dimension, are placed in the liminal area of the unconscious, this technological time.

On the pictorial support the materialization of the inconsistent telematic epidermis compares itself with the thickness and imponderableness of a non-repeatable dexterity that relaunches the challenge to mimicry with the insertion of some trompe l'oeil painted elements. This creates further visual and perceptive implications that the artist masters and collects in compositions of balanced sharpness that declare their descent from the great painting of past centuries.

The rethinking of the linguistic status of painting according to the new canons of dematerialization and simultaneity suggested by new technologies does not affect in Ligama its vocation to reflect on man and his history, making himself the bearer of universal questions and delicate emotional suggestions.

So a family of ladybugs who heads for a digital bread becomes the Eucharist, an array of toy soldiers fights gigantic fruit squares in The Showdown and a wide-eyed doll attacked by wasps expresses the impotence of women victims of violence.

 

 

 

 

cromatica dell’immagine in pixel ingranditi che nega alla radice l’illusoria aderenza al vero dell’immagine virtuale, irridendone la spasmodica ricerca di una risoluzione massima. La scomposizione e la dissoluzione sono quindi strumenti di avvicinamento al soggetto che gli permettono di attingerne le proprietà essenziali per poi ricostruirlo in una nuova struttura che interpreta la profondità come sfaccettatura. Come gli oggetti sognati del Surrealismo questi brani di natura morta contemporanea, che guardati a distanza o con la mediazione di un obiettivo digitale ritrovano con la ricomposizione retinica la terza dimensione, si collocano nella zona liminare dell’inconscio, questa volta tecnologico.

Sul supporto pittorico la materializzazione dell’inconsistente epidermide telematica si confronta con gli spessori e le imponderabilità di una manualità non reiterabile che rilancia la sfida al mimetismo con l’inserimento di alcuni elementi dipinti a trompe l’oeil. Nascono così ulteriori implicazioni visive e percettive che l’artista padroneggia e raccoglie in composizioni di bilanciata nitidezza che dichiarano la loro discendenza dalla grande pittura dei secoli passati. Il ripensamento dello statuto linguistico della pittura secondo i nuovi canoni di smaterializzazione e simultaneità suggeriti dalle nuove tecnologie non intacca in Ligama la sua vocazione a riflettere sull’uomo e sulla sua storia, facendosi portatrice di interrogativi universali e delicate suggestioni emotive.

Così una famiglia di coccinelle che si dirige verso un pane digitale diventa l’Eucarestia, uno schieramento di soldatini giocattolo combatte giganteschi frutti quadrettati ne La resa dei conti e  una bambola dagli occhi sgranati attaccata dalle vespe esprime l’impotenza delle donne vittime di violenza.

 

Emanuela Zanon


PERSONALI /SOLO

2017    Catania Infinite Jest Catania Palazzo della Cultura

                A cura di Stefano S. Antonelli / 999Contemporary

2016    16bit Taormina Palazzo Corvaja

                 A cura di Giuseppe Stagnitta

 

2015     8bit_un mondo a pixel  Dignano(Croazia) Galleria El Magazein

              8bit_un mondo a pixel  Bologna Galleria Portanova12

                   A cura di Antonio Storelli Testo di Emanuela Zanon

 

 

COLLETTIVE /GROUP

2018     Abstracta. Da Balla alla Street Art Noto Palazzo Gagliardi

              A cura di Giuseppe Stagnitta Giancarlo Carpi Raffaella Bozzini

 

2017    Hall of Fame Caltagirone Palazzo Ceramico

              A cura di Demetrio Di Grado

 

2016    Verba volant, Arte manent Catania Palazzo Cutelli

              A cura di Tiziana Greco  e Valentina Leonardi per il FAI

             Make the Difference  Padova Galleria Anna Breda

             Nero Come l'ebano Bari Pinacoteca

               A cura di F.Martino 

               Accademia Belle Arti Bari

             Segni Agathae Catania Le Ciminiere

               A cura di Liborio Curione 

              Accademia Belle Arti Catania

             Aleph Catania Tribunale

               A cura di Ornella Fazzina

 

2015    Nuovi Codici Cremona Palazzo Stanga

              A cura di Alice Zannoni

            Sguardi per una città visibile  Catania Palazzo della Cultura

               A cura di G.Radice L.Curione A.Potenza G.Guzzo M.Lo Curzio 

               Accademia Belle Arti Catania

           Welcome to Paradise 5 Modica Collina di Monserrato 

               A cura di Marcel Cordeiro

           Chartae Caltagirone Mansourcing Spazio Contemporaneo

              A cura di Demetrio Di Grado

          1963/2015:Renascentia. Omaggio a Vaccarini  

             Catania Palazzo Vaccarini

               FAI MIUR MIBAC REG.SICILIA                          

               A cura di Tiziana Greco

          Po3it  Caltagirone Mansourcing Spazio Contemporaneo

               A cura di Demetrio Di Grado

          Camouflage Project  Torino 

               A cura di Claudio Lorenzoni

          Segni infiniti Rossano Calabro Il Gabbiano Spazio Alternativo

              A cura di Giovanna Mambelli e Anna Pergoli

           M.S.S.H.D.E.P.L. Catania Palazzo Minoriti

               A cura di Accademia Belle Arti Catania

           Zero Caltagirone Mansourcing Spazio Contemporaneo

               A cura di Demetrio Di Grado

            Mail Art Noto Noto Convitto Ragusa

               A cura di Lucio Pintaldi

 

2014     Moon Palermo Planetario Villa Filippina

                 A cura di Demetrio Di Grado

            Arte Budapest A cura di Accademia Belle Arti Catania

            Contemporaneamente Rosso Acireale Galleria Arte'

               A cura di Calusca 

            Mostra Internazionale Libro d'Artista Noto Biblioteca Comunale

               A cura di Lucio Pintaldi

             Disegnare il Settecento Napoli Castel Nuovo

               A cura di Gerardo De Simone

            Street Dreams Caltagirone Santagostino Borgo Contemporaneo

               A cura di Demetrio Di Grado

 

2013    La Febbre dal 3 al 6 Catania Palazzo Della Cultura

                A cura di Daniela Costa e Accademia Belle Arti Catania

            Art is Life Duomo di Caserta e Museo MAGMA di Roccamonfina (CE)

               A cura di Paolo Feroce

            Noto incisa Noto Palazzo Trigona

              A cura di Angelo Cigolindo e Accademia Belle Arti Catania

            Arte per Altro Perugia

               A cura di Pippo Cosenza

           Trendline  Museo MAGMA

               A cura di Paolo Feroce

           Meet_ology Museo Civico Archeologico Teano

               A cura di Paolo Feroce

           Segno Insegno Roma Istituto Nazionale per la Grafica

               A cura di Liborio Curione

           Acirewrite Acireale Collegio Santonocito

              A cura di New L’ink e Calusca

 

2012   Percorsi Paralleli Catania Museo Emilio Greco

              A cura di Liborio Curione e Accademia Belle Arti Catania

          Nuovi confini Catania Le Ciminiere/Siracusa Galleria Montevergini

              A cura di Liborio Curione e Accademia Belle Arti Catania                                       Area 189 Catania Palazzo Della Cultura

            Pozzallo Spazio Culturale Meno Assenza

             A cura di Daniela Costa e Accademia Belle Arti Catania

          Singolo Plurale Grammichele Palazzo Fragapane  

             A cura di Angelo Cigolindo e Accademia Belle Arti Catania

          

2010    Et Verbum Caro Factum est Torino Venaria Scuderie di Juvarra

               Coordinamento Nazionale a cura del MIUR

            Verismi Vizzini Galleria Arte Contemporanea  Palazzo Costa

               A cura di Liborio Curione

            Signum Signa Narrat  Grammchele(Ct) Istituto d’Arte

               A cura di Liborio Curione e Accademia Belle Arti Catania

            Anima e corpo Catania Le Ciminiere

               A cura di Accademia belle Arti Catania

            M’Illumino di meno Catania Galleria Spazio Vitale

              A cura di Giuseppina Radice

 

 

PREMI /PRIZES

2015     Madre Terra Pizzo Castello Aragonese

               FINALISTA

                 A cura di Lara Caccia

2014      Premio Internazionale Limen Arte Vibo Valentia Palazzo Gangliari

                 PREMIO ALLA CRITICA PITTURA

                 PREMIO OPERA PIU' VOTATA 

                    A cura di Lara Caccia

 

2013     Young Showcase Biennale di Giovani Artisti Museo MAGMA

                FINALISTA

                  A cura di Paolo Feroce

              Primo premio Libro d'artista Associazione Incisori Italiani Vigonza

              MENZIONE SPECIALE (Premio alla Critica)

                  A cura di Francesco Anacreonte

 

2011     Premio Nazionale delle Arti Milano Brera

              FINALISTA/SEGNALATO

                 Coordinamento nazionale a cura del MIUR e Roberto Morese

 

2010     Premio Nazionale delle Arti Napoli Accademia Belle Arti

              FINALISTA/SEGNALATO

                 Coordinamento Nazionale A cura del MIUR e Roberto Morese

             Concorso Nazionale per la Grafica Comune di Gorlago. 

                SEGNALATO

                  A cura dell’Assessorato Alla Cultura

 

2007     Premio Nazionale delle Arti Catania Le Ciminiere

              FINALISTA /SEGNALATO         

                  A cura del MIUR e Accademia Belle Arti Catania

 

 

FIERE / FAIRS

2016 Urban Art Fair Parigi Carreau du Temple

2016 Set Up Bologna Autostazione

2015 Art Factory Catania Palazzo Valle Fondazione Puglisi Cosentino

2014 Art Market Budapest

2012  Art Market Budapest

2011  AgrigentoArte Segnali dal tempo  Agrigento Palacongerssi

              A cura di Francesco Gallo

2009  AgrigentoArte Segnali dal tempo Agrigento Palacongressi

               A cura di Francesco Gallo

2008   AgrigentoArte  Segnali dal tempo Agrigento Palacongressi

               A cura di Francesco Gallo